Aeroporto di Cagliari: il primo avversario nelle trasferte

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Aeroporto di Cagliari: il primo avversario nelle trasferte

By Sailingsardinia   /     gen 16, 2016  /     Varie  /  

Generic-Airport-Sign-for-Excess-BaggageDovevamo andare al mondiale Funboard a Curaçao. Eravamo io e Gigi Barrella e, a quel tempo, ci si muoveva per le regate con (almeno) due tavole e circa sei vele, sei alberi e sei boma: una marea di attrezzatura. Portarla in aereo surfboards-in-airportè sempre stato un problema ma, in genere, si trovava sempre un operatore di scalo tollerante e si riusciva ad imbarcare tutto con delle cifre non troppo onerose. Questo in tutti gli aeroporti del mondo. Tranne a Cagliari. A Elmas abbiamo sempre trovato operatori intransigenti che  applicano alla lettera le tariffe delle compagnie aeree senza riuscire ad avere quella elasticità che a noi surfisti rendeva più umani i costi di trasferta. Beh, succo del discorso…per andare a Curaçao, siamo stati costretti a partire in traghetto con attrezzatura sulla macchina, per raggiungere Aeroporto di Ginevra che, per non so quale motivo, era più tollerante sulle regole extra bagaglio. Questo perché a Elmas ci avevano chiesto delle cifre improponibili. Succedeva nel 1990…

12510377_584677821689903_7191163319837665700_n

La settimana scorsa Marta Maggetti, in partenza per La Coppa del Mondo di Miami, si è vista costretta a dover sborsare una cifra esagerata per portare tavola e vela in Florida. Parliamo di 800 euro! Costo tutto a carico della nostra surfista. Tempo fa avevamo auspicato l’eliminazione dell’insularita per i nostri campioni (discorso che sembra stia prendendo una sua strada), ma questo episodio capitato a Marta sembra riportarci indietro di 25 anni. Possibile che queste cose succedano solo nell’aeroporto di casa nostra? Possibile che lo scoglio più grosso i nostri atleti lo debbano affrontare in casa? “Pocos locos Yy malu unidos” si diceva un tempo… Pensate che far caricare gratis (visto che capita spesso negli altri aeroporti) in aereo le tavole di quei quattro surfisti che viaggiano per regate, sia  così oneroso per Alitalia? E se poi veniamo a scoprire che una compagnia come Air France ti fa portare il materiale surfistico Gratis…! I francesi sono sempre molto avanti, ma ad Elmas siamo veramente troooppo indietro!

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami