Centosessanta partecipanti!

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Centosessanta partecipanti!

By Sailingsardinia   /     set 23, 2020  /     Varie  /  

119924580_4658893067454974_6857719411574359951_oMentre a Follonica 18 super tecnologici IQ Foil si davano battaglia per conquistare il titolo italiano, cento chilometri più a Sud, a Cala Galera, 160 (CENTOSESSANTA!) appassionati di Windsurfer (si, il vecchio Ten Cate) combattevano sempre per il titolo italiano di classe.

unnamedIl vecchio Windsurfer ritorna ai grandi numeri degli anni ottanta grazie ad un gruppo di appassionati che ha rilanciato la classe con un pizzico di rinnovamento: deriva basculante, nuovo boma e vela appena appena rivista.44628172-8B6E-4793-8F00-34CF2C37F48D
Sembra che ci sia uno zoccolo duro di appassionati che vogliono regatare senza avere la necessità di volare sull’acqua, di investire in  carbonio, di essere spinti da una vela con i camber: basta una tavola a vela, anche se brutta, ma che sia uguale per per tutti, in cui il vero vincitore è l’uomo, non l’attrezzatura migliore.

E senza dover spendere cifre faraoniche! Poi se è un po’ bruttina, non fa niente, è brutta per tutti. D’altronde se ci si guarda un po’ in giro, ci si accorge che le classi più diffuse sono abbastanza bruttine. Due esempi? Guardate il Laser ( anche se adesso stanno cercando di rovinarlo con beghe politiche e largo uso di carbonio): lento, faticoso, pochissime regolazioni ma diffusissimo. L’Hobie Cat? Il più brutto dei catamarani con una virata oscena e le prue che, alla prima distrazione, si infilano in acqua. Eppure è il multiscafo più diffuso al mondo!119702401_4658893040788310_2434005886683670860_o
Anche il Windsurfer, diciamocela tutta, è bruttino, soprattutto se confrontato con i moderni slalom o, peggio ancora, se affiancato ai modernissimi windfoil. Eppure il fascino della regata ad armi pari sembra essere più forte del richiamo del mezzo iper tecnologico. La gente non ha troppa voglia di perdere tempo in regolazioni, messe a punto ecc. Date loro un boma in mano, due boe da girare e fategli assaporare il vero gusto della regata. Ecco il segreto del successo! Ed ecco spiegati i 160 del Windsurfer e i 18 del IQ Foil…

La parola ai vincitori.

19BC2946-DD95-4FDE-AC47-015EE6E46AB5Flavia Tartaglini: Conosco Edoardo che è stato carinissimo a fornirmi tavola e tutto. Lo scopo principale è stare in acqua con tanti amici. Ho ritrovato tanti amici con cui avevo iniziato ad andare in Windsurf: Paco Cottone, Alberto Gange, tutta la vecchia guardia con cui facevamo Aloha insieme. Quando ho visto gli iscritti mi sono detta “voglio assolutamente andare!”. Pensavo di fare regate in maniera goliardica ma poi mi sono dovuta ricredere: erano tutti assatanati e competitivi…sto coi cerotti alla schiena…ho fatto parecchio fatica perché nella Long Distance c’è il pompaggio libero e per stare davanti ai maschi ho pompato parecchio.

Perché abbiamo regatato tutti insieme e regatare insieme ai maschi non lo facevo dai tempi del Mistral e questo a me piace molto. Mi sono anche ritrovata con Luca Pacitto, con Luca Frascari e Celine Bordier che mi ha dato tantissimo filo da torcere con il vento forte: lei è un po’ più pesante e io ho zero tecnica…di bolina andavo a braccia mentre lei andava tre volte più di me. Per fortuna che poi c’era la poppa…Poi regatare in un posto bello come l’Argentario, ad un’ora e mezza da Roma è stato fantastico. Se capiteranno altre regate in posti belli, con questo clima, amici e birretta dopo regata, ci sarò sicuramente.

67B49088-2AF9-4747-A095-305B54C02AF4Paco Cottone.”Vedere 150 tavole in acqua è sempre un’emozione particolare, ho ritrovato tanti amici e alcuni atleti che regatavamo insieme a me in Mistral tanti anni fa. Abbiamo avuto bel vento nel course Race, 4 prove su 5 totali disputate oltre i 20 nodi, mentre poco vento per la Long Distance che comunque rimane sempre una bellissima esperienza. In ogni caso la cosa più bella rimane il Windsurfer Spirit grazie ai regatanti di questa classe”

762AF104-7754-44A4-89F7-57A9D7A743B6Alessandro Torzoni. “la windsurfer è una delle classi più vive e sane del movimento e con il proprio format è riuscita a racchiudere sane competizioni tra atleti di età molto diverse. È una tavola facile ed allo stesso tempo tecnica dove però anche la persona non molto allenata riesce a divertirsi. Quando fu eliminato il pompaggio di bolina inizialmente fui contrario ma ora sto apprezzando il senso ovvero un buon regatante 50enne può riuscire a competere con un 20enne e questo è il più bello spirito per la crescita del movimento. Personalmente l’eliminazione del pompaggio di bolina mi è servito ad apprezzare ancor più la regata e la relativa tattica cosa che nel passato veniva leggermente meno in quanto parzialmente compensata dal pompaggio stesso. Direi che è una delle poche classi rimaste dove si regata nel vero senso della parola.
Relativamente all’italiano mi sento di dire che sarebbe potuto essere stato organizzato molto meglio ma alla fine il vento c’è stato ed ha permesso di competere con condizioni plananti e vento leggero. Delle 5 regate ne abbiamo corse 4 con vento di terra con oscillazioni di 15/20 gradi dove la visione e relativa tattica di regata è stata determinante. Ci vediamo a Cagliari. Per concludere direi: ad maiora semper”

DB97AA92-0E77-40D9-BCD5-E592B4834001Luca Pacitto.”Grande figata! 150  concorrenti all’Argentario in un periodo di COVID hanno fatto un grande evento. Abbiamo fatto 5 prove, di cui quattro con venticinque nodi. Che te devo dì! La Windsurfer rimane per me l’unica vera classe di vela windsurf, perché ora con l’arrivo dei foil…io vedo cosa succede al circolo da noi: tanta gente si sta comprando il Windsurfer per farsi una passeggiata…Non è stressante come uno slalom o come tante altre discipline che per comprare attrezzatura ci vogliono una marea di soldi. Qui con 2000 euro hai fatto tutto. Grande classe, grande evento! E poi ho vinto nella categoria A e quindi sono contento! Ancora ci do qualcosa…

Comunicato classe

Il 46º campionato nazionale della classe Windsurfer si è tenuto a cala galera dal 17 al 20 settembre 2020.
Circa 150 concorrenti provenienti da tutta Italia ed alcuni stranieri da Francia, Finlandia e Sudafrica, si sono dati battaglia per conquistare il titolo di campione italiano nelle specialità course Race, Long distance e freestyle.
Bellissima la location sulla spiaggia accanto a cala galera, ambiente come sempre allegro e divertente pur nel rispetto delle norme anti Covid.
Qui di seguito i risultati suddivisi per disciplina:
COURSE RACE
Sono state disputate complessivamente cinque prove con uno scarto. Nella prima giornata si sono tenute tre prove convento tra i 18 e i 25 nodi, dove si sono messi in evidenza gli specialisti del vento forte. Nella seconda giornata sono state disputate due prove la prima con vento leggero e la seconda con 20 nodi. Al netto dello scarto qui di seguito le classifiche

FREESTYLE
la specialità freestyle è stata disputata nella giornata di sabato con vento molto leggero. Circa 20 i partecipanti per una classica specialità della Windsurfer, vista con un entusiasmo da una folta schiera di pubblico dalla spiaggia
Prima assoluta si è classificata la romana Carola De Fazio autrice di una prestazione eccezionale in coppia con la figlia. Tra gli uomini vince Nicola spadea battendo per pochi decimi Giovanni Di Stefano. Terzo il sudafricano Stephan Louw 

LONG DISTANCE

Linea di partenza di 400 m per consentire l’allineamento di 150 regatanti e partenza a coniglio dietro il gommone. Vento leggero e sette miglia da percorrere tra cala galera e la punta di Ansedonia. Dopo quasi due ore suona per prima la campanella dell’arrivo sulla spiaggia l’olimpionica Flavia Tartaglini, che mette in riga tutta la flotta. tra gli uomini prevale Luca Pacitto al fotofinish su Luca Frascari.

Al termine della manifestazione premiazione sulla spiaggia organizzata dal CNVA circolo navale velico Argentario, con i divertenti commenti dei due speaker di eccezione Riccardo Baita e Rob Hoffman.
Si conferma ancora una volta la crescita in quantità e qualità della classe Windsurfer, ormai la più numerosa nel panorama nazionale ed internazionale.

RISULTATI FINALI FREE STYLE 46TH ITALIAN CHAMPIONSHIP

RISULTATI FINALI LONG DISTANCE 46TH ITALIAN CHAMPIONSHIP

RISULTATI FINALI PER FLOTTA 46TH ITALIAN CHAMPIONSHIP at CALA GALERA 2020

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami