Che ansia a Rio!

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Che ansia a Rio!

By Sailingsardinia   /     ago 12, 2016  /     Varie  /  

aaa850833604223_4281332226697683122_nSe volevamo suspense eccola qui! Nella  giornata di ieri a Rio ne abbiamo avuta da vendere grazie a Flavia Tartaglini e Vittorio Bissaro-Silvia Sicourì. La prima ha esordito con un’altra vittoria che ci ha fatto pensare ad una facile corsa verso la vittoria finale. Anche nella seconda prova la sensazione è stata di una Flavia decisamente superiore alle avversarie, soprattutto quando, dopo un inizio disastroso, l’abbiamo vista recuperare fino al quarto posto: dopo un primo ed un recupero così strepitoso era facile pensare ad una Flavia extraterrestre.

Ma poi, nell’ultimo giro, è crollata. Sinceramente non si capisce cosa sia successo, probabilmente è incappata in una delle macchie di bonaccia di Rio, fatto sta che ha concluso al dodicesimo posto. Poi un’altra prova opaca che ha fatto capire che Flavia è umana e ogni punto se lo dovrà sudare come tutte le altre. Forse la causa di questi ultimi risultati,  sono state le partenze prudenti, forse troppo prudenti. Per fortuna anche le dirette avversarie non hanno brillato e la nostra rimane leader a un punto dalla seconda e dalla terza (che è la giovanissima russa Elfutina, avversaria in tante regate della nostra Marta Maggetti). aaaa56712940222_8201899933656037803_nPer quanto riguarda i Nacra, giornatone di Vittorio e Silvia che centrano tre terzi posti e un settimo riprendendo, dopo una brutta prima giornata, il loro classico stile di regatare: da ingegneri. Agguantano il terzo posto in classifica e conforta il fatto che affrontino la tensione agonistica come delle rocce e più il gioco si fa duro, più loro sono duri. Escludendo la Medal, siamo a metà campionato e può ancora succedere di tutto in questa classe che vede l’assenza ai vertici di Besson e Riou, leaders incontrastati del quadriennio olimpico (loro gli ultimi tre titoli mondiali). Purtroppo Billy Besson si è infortunato alla schiena e, non potendo prendere antidolorifici (sono sostanze dopanti) si presenta alla base nautica in sedia a rotelle. Una regata senza i protagonisti è sempre una regata monca.

aaaa6259604541_8428908930398033055_nPoi Mattia Camboni…Dopo una serie di regate in cui è parso un pò disorientato, ieri ci ha fatto proprio sognare con l’ultima prova della giornata. Una regata condotta al top incrociando con Dorian (l’olandese superfavoritissimo) ha concluso al terzo posto. Per lui rimane sempre a portata di mano l’obbiettivo con cui aveva iniziato l’avventura olimpica: la Medal Race. Oggi sarà la giornata decisiva e speriamo non deluda i suoi fan che nel web sono tantissimi, per non parlare dei civitavecchiesi…

 

CLASSIFICHE

Passaggi in boa

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami