Che buriana per il Legionari!

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Che buriana per il Legionari!

By Sailingsardinia   /     ott 30, 2017  /     Varie  /  

_MG_2599Il forte maestrale domina la competizione costiera, che chiude la stagione dello Yacht Club Porto Rotondo

Porto Rotondo, 29 ottobre 2017 – Una regata per veri marinai, per quei Legionari, amanti della vela in ogni sua forma che il nostromo Andrea Campesi, storico nostromo della Marina di Porto Rotondo, tanto apprezzava. Così è stata, oggi, la 24a edizione della Regata dei Legionari appunto, la classica che ha steso il sipario sulla stagione 2017 dello Yacht Club Porto Rotondo.

Un maestrale da ricordare, previsto e temuto con i suoi picchi di 35 nodi, ha imposto la massima attenzione e abilità alla flotta, giunta rimaneggiata al traguardo. A tagliarlo, solo 29 equipaggi sui 71 iscritti, molti usciti in mare ma presto rientrati in banchina, dove già stazionavano i catamarani e le vele latine, lasciate per prudenza all’ormeggio. 22853000_2414313858793003_7371204626114173967_nDa registrare anche una collisione in partenza e l’infortunio durante una strambata a un partecipante, ferito al volto.

_MG_2641Le 15 miglia hanno condotto le barche più grosse, o meglio attrezzate per condizioni tanto estreme, tra Poveri e Soffio fino alla boa di Nibani e infine al rientro, una volta lasciate a dritta Mortoriotto e le altre isole.

L’ordine d’arrivo, senza rating come da tradizione, ha visto primeggiare Vela di Alexander Riklin, vincitore anche della categoria Regata / Crociera. A Vistona di Gianbattista Borea d’Olmo e Racer di Pietro Di Ludovico, il successo rispettivamente nelle divisioni Epoca/Lavoro e Classica.

Durante la cerimonia di premiazione, alla presenza del presidente Roberto Azzi e del presidente onorario Conte Luigi Donà delle Rose, sono stati assegnati anche i premi speciali in palio: il trofeo Campesi per l’equipaggio più giovane a Racer, il trofeo Carpaneda a Hilde per la grande maestria dei suoi tre velisti e la bellezza dello scafo, infine il trofeo Oggiano a Noemi per la maggiore presenza femminile a bordo000image13

“E’ stata una regata impegnativa, ma l’ampia partecipazione dimostra il crescente affetto nei confronti di questo appuntamento, che chiude una stagione ricca di eventi su più fronti, nella quale abbiamo lavorato per l’intero territorio: la vela ha dimostrato di essere un volano fondamentale, per il turismo locale e l’allungamento della stagione”, il commento del presidente dello Yacht Club Porto Rotondo, Roberto Azzi.

CONVERSATION

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>