Chiuso, ad Enoshima, uno strano Campionato

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Chiuso, ad Enoshima, uno strano Campionato

By Sailingsardinia   /     set 23, 2017  /     Varie  /  

21761862_10154915433172423_782498681485395320_nSicuramente è stato un Mondiale RSX anomalo, con diversi nomi nuovi ai vertici della classifica. I cinesi hanno dettato legge “senza se e senza ma” con un podio femminile completamente con gli occhi a mandorla e il podio maschile che, senza l’argento dello svizzero Mateo Sanz Lanz, sarebbe stato dello stesso colore. I venti leggeri hanno avvantaggiato i minuti (ma quanti muscoli!) cinesi e, sicuramente, con vento più fresco avremmo avuto più europei al vertice, ma questo Campionato ha sentenziato la superiorità indiscussa degli asiatici e sicuramente bisognerà tenere d’occhio la loro preparazione. E i nostri?

21559107_10154902972247423_7717210734153967621_nMarta Maggetti perde la Medal Race nella terza giornata. La surfista sarda ha sempre regatato molto bene e molto regolare, con piazzamenti sempre nei primi dieci, tranne quel maledetto Giovedì. I piazzamenti di una sola giornata (24-28-26) le hanno fatto perdere il contatto con la Medal Race. Nei giorni successivi ha ripreso il ritmo di inizio Campionato, ma la frittata ormai era fatta. Chiude al sedicesimo posto che è sicuramente un ottimo risultato, ma…insomma, avevano assaporato l’idea di una Medal…Flavia Tartaglini regata tutto il Campionato ben al di sotto del suo potenziale ed è 23esima, mentre Veronica Fanciulli è 27esima

21616291_10154910296702423_5735245471434386301_nPer i maschi la musica non cambia. Mattia Camboni è sedicesimo, Carlo Ciabatti è 27esimo, Antonino Cangemi 34, Daniele Benedetti 37, Matteo Evangelisti 38, Francesco Tomasello 50, Luca Di Tomassi 51 e Daniele Gallo è 91. Daniele Benedetti e Luca Di Tomassi meritano discorso a parte perchè, essendo specialisti del vento forte, non hanno avuto, con il vento così leggero, occasione di poter esprimere tutte le loro potenzialità. Ma per gli altri erano le condizioni ottimali, era l’occasione per dare una zampata. Con vento leggero Mattia Camboni è capace di vincere Medal Race e gli altri giovani atleti hanno più volte avuto spunti da top ten. Invece qui, a parte qualche rarissimo momento di gloria, i nostri hanno sofferto parecchio, nonostante le condizioni a loro più congeniali. Sia ben chiaro: il centrare la Gold Fleet al primo Mondiale assoluto è, per i nostri giovani,  un bel risultato, confortante per il futuro… ma, anche qui, un retrogusto amarognolo ci rimane.

I due sardi commentano così:

imageMarta Maggetti: sono soddisfatta delle mie prestazioni che aldilà del risultato, sono state positive: finalmente sono riuscita a partire sempre bene e ho mantenuto un buon passo per tutto il Campionato. Sì, sono andata male un giorno, ma c’era vento veramente leggero, spesso più volte sotto i cinque nodi…eravamo al limite della regatabilità. Ho perso qualche punto per strada -anche ieri ho perso due posizioni in condizioni di vento molto rafficato- ma torno a Cagliari soddisfatta.

21616358_10154905179977423_5133383893800748389_nCarlo Ciabatti: Finisce così la mia prima stagione nel “mondo dei Grandi ” . Si torna a casa con il 4º posto al Mondiale U 21 e il 28° posto in generale . Non sono soddisfatto di quest ‘ultima settimana di gare , in cui non sono mai riuscito a dire la mia . Ok è vero che è stato un mondiale molto difficile e pieno di complicazioni e soprattutto c’erano veramente tutti i più forti , ma l’amaro in bocca c’è ,ed è inutile negarlo . Fortunatamente è quell’amaro in bocca che ti fa riprendere subito gli allenamenti per migliorare e fare bene la prossima volta !!! Bye bye Japan
Veramente Complimenti a tutti gli alrri

000image13

Campionato del Mondo RS:X ad Enoshima, Giappone
Concluso oggi con dominio cinese

Vero e proprio dominio cinese al Campionato del Mondo 2017 per la classe olimpica RS:X, il primo Mondiale del dopo Olimpiadi ed il primo del nuovo quadriennio, organizzato proprio nella baia che ospiterà le regate dei cinque cerchi per Tokyo 2020, ha evidenziato le grandi potenziali della squadra cinese nella tavola a vela.

Ad Enoshima, Giappone negli uomini vince un atleta cinese, nelle ragazze l’intero podio arriva dalla Cina. Negli uomini oro per Bing Ye, argento a Mateo Sanz Lanz (SUI) e bronzo ad un altro atleta cinese, Mengfan Gao, mentre nelle donne l’oro per Peina Chen (con quattro vittorie), argento per Jiahui Wu e bronzo a Yunxiu Lu.

Oggi, nell’ultima giornata di regate, la Medal Race tradizionale a punteggio doppio per i migliori dieci, che si è disputata con vento fino a 20 nodi, ci si chiedeva se gli atleti cinesi sarebbero riusciti ad emergere anche in queste condizioni. Vincono le Medal Race l’olandese Dorian Van Rijsselberghe negli uomini e la cinese Manjia Zheng tra le donne. Purtroppo nessun italiano per noi da seguire nelle due Medal Race, ma tutti gli azzurri erano comunque impegnati nell’ultima regata di flotta della serie.

Nelle donne la migliore prestazione è di Marta Maggetti (SV Guardia di Finanza), sedicesima, che dopo gli ottimi risultati nelle giovanili, comincia a farsi notare anche tra le ‘grandi’; Flavia Tartaglini (SV Guardia di Finanza) chiude al ventitreesimo posto un Mondiale iniziato in salita con la squalifica e proseguito con risultati al di sotto delle sue possibilità; per Veronica Fanciulli (CS Aeronautica Militare) un ventisettesimo posto, suo migliore risultato di carriera.

21687601_10209557534605543_5623107923887351895_nNegli uomini, Mattia Camboni (GS Fiamme Azzurre) è sedicesimo dopo il terzo posto conquistato agli Europei; Carlo Ciabatti (CV Windsurfing Club Cagliari) è ventisettesimo e quarto nella classifica Under 21, dove perde il podio per un soffio; Antonino Cangemi (CC Roggero di Lauria) è 34esimo, mentre Daniele Benedetti (SV Guardia di Finanza) e Matteo Evangelisti (LNI Civitavecchia) sono rispettivamente 37 e 38esimo; Francesco Tomasello (CC Roggero di Lauria) e Luca Di Tomassi (LNI Civitavecchia) sono in coda alla Gold Fleet in 50esima e 51esima posizione. Daniele Gallo (LNI Civitavecchia), unico italiano in Silver Fleet, chiude l’avventura mondiale al 91esimo posto.
RSX-WC2017-Logo-Web-Header-227x93

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami