Marta e il caldo dell’Oman…

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Marta e il caldo dell’Oman…

By Sailingsardinia   /     ott 26, 2015  /     Varie  /  

11229971_556631827827836_2279829391829158928_nRegatare con vento intorno agli otto nodi è per i surfisti massacrante, perché significa non potersi attaccare al trapezio (con grande carico sul palmo della mano) e significa soprattutto pompare, pompare e pompare senza smettere mai. Se a questo ci si aggiunge una temperatura dell’aria di 40 gradi con un altissimo tasso di umidità, allora la frittata è fatta. Poi ci sono quelli che hanno la pelle robusta e tutto questo gli fa un baffo, ma tanti altri sono più fragilini e a questi personaggi vengono le bolle, che poi scoppiano e…sono dolori! A Marta le bolle sono scoppiate dal secondo giorno e tenere il boma è stato per lei un vero supplizio

image

12115546_1191776360849217_2685136620883949234_n

 

E’ curioso: per i surfisti meno vento c’è e più le condizioni sono dure, al contrario della vela tradizionale. E anche Flavia Tartaglini deve aver patito le dure condizioni in Oman non riuscendo ad agguantare la Medal Race. Mentre chi ha volato, nonostante tutti i problemi logistici, è stato Mattia Camboni che è entrato in Medal Race e ha concluso con un ottimo nono posto finale. Grande!

Ma tornando a Marta…

IMG-20151026-WA0002

E’ arrivata seconda Under 21. Allora, diciamocela tutta: è stato comunque un argento, ma noi lo sappiamo bene il vero valore di Marta! Ma ormai il gioco si fa duro e non ci interessano le classifiche alternative, le classifiche che servono a dare più coppette a tutti. A noi ci interessa la classifica quella vera, quella assoluta. E’ finito per Marta il periodo dei Techno, dei vari titoli Under….Ora c’è una sola classifica ed è quella da guardare. In Oman Marta non è andata bene, o meglio, Non è andata come avremmo voluto. E ci ha spiegato il perchè

12141715_555927224564963_1161038553413517644_n

“È stata una regata molto difficile, sia per il caldo umido che perle condizioni meteo. E’ stato un campionato monotono. ..sempre stessa intensità (6-8 nodi con chop incrociato ) stessa direzione .dal mare. …con molti salti di vento

Purtroppo sono stata un po sfortunata come altre persone. ..dall’inizio della regata mi si sono aperte le mani, quindi non ho potuto dare  il massimo e la condizione non mi ha aiutato perché con il vento troppo leggero ho sempre avuto difficoltà. Le mani stanno guarendo e, comunque, per la regata di Abu Dhabi, che inizia il 29, mi sono organizzata dei guantini. “

Ecco la forza di Marta: non molla mai!

 

In compenso quelli di sailing anarchy hanno fatto un post su di lei annoverandola tra le bellezze della vela olimpica

rsx-logo-285x89

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami