Non ha vinto niente, ma questo ragazzo meriterebbe il più grande dei premi

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Non ha vinto niente, ma questo ragazzo meriterebbe il più grande dei premi

By Sailingsardinia   /     apr 30, 2015  /     Varie  /  

9 Invernale Marina di Capitana CFadda Cup 2014 - 2015

Ero appena uscito, mi stavo appena scaldando (nel vero senso della parola, vista la temperatura dell’acqua) ed ero particolarmente attento a non cadere in acqua per paura di bagnarmi. C’era poco vento, con la mia 5.8 planavo a tratti e le onde non erano grandi, anzi forse direi piccole per Funtana. Ma comunque stavo attento: per bagnarmi avevo davanti tutta la giornata. In mare c’erano già una quindicina/ventina di surfisti, i più accaniti e i più giovani, quelli dalle mille energie. 9 Invernale Marina di Capitana CFadda Cup 2014 - 2015Nella preparazione dell’attrezzatura non avevo voluto stringere troppo forte il track (lo snodo alla base dell’albero) alla tavola per non dover faticare, a fine giornata, nello sganciarlo. Esco e supero agevolmente la zona dei frangenti e alla prima strambata il track mi finisce tutto indietro. “Ok, ok ora vado a terra lo sistemo e lo stringo bene.” Ma il track non ha avuto pazienza e, non appena ho chiuso la vela per puntare la costa, ha pensato bene di sganciarsi sparando la tavola a dieci metri da me e vela. Mi sono ritrovato in acqua (meno male che non mi volevo bagnare subito!) con la vela da una parte e la tavola dall’altra e i frangenti che mi arrivavano addosso. Cosa faccio? Prendo la vela o prendo la tavola? Nuoto verso la tavola sperando di far veloce in modo che le onde non abbiano tanto tempo per far affondare la vela. Ma ecco che arriva Nicolò che, fermandosi con il suo windsurf, va sulla mia vela e la tiene affinchè non affondi. Per carità, le condizioni erano veramente easy, e sicuramente sarei riuscito in ogni caso a salvare capra e cavoli, ma il fatto che, in mezzo ad una ventina di surfisti in acqua, si sia fermato ad aiutarmi un ragazzino di dieci anni mi ha proprio colpito. Ma lui era tranquillo, stava facendo la cosa più scontata del mondo, quasi stupito del mio stupore. Forse ha visto un anziano che annaspava in acqua e si è impietosito!!! ” Remando sopra la tavola raggiungo quindi la vela tenuta sotto controllo dal piccolo Nicolò. Lo ringrazio e ripartiamo. “Gli ho sempre detto: occhio sempre a te ma, in mare, guarda anche gli altri. Quando si va per mare, soprattutto nelle condizioni con cui noi facciamo surf, è importante dare uno sguardo anche agli altri” E’ papà Matteo a dirmi questo quando gli ho raccontato l’aiuto datomi da Nicolò. Ma la cosa più curiosa è che qualche giorno prima, in condizioni decisamente (ma molto decisamente!) più toste, proprio Matteo aveva aiutato un altro ragazzo con lo stesso mio problema. E l’altro ragazzo, Niccolò Mariani (figlio di Marietto noto surfista degli anni 80-90) era seriamente in difficoltà, essendo alle sue prime esperienze con le onde grosse.
9 Invernale Marina di Capitana CFadda Cup 2014 - 2015
In un periodo in cui siamo tutti pronti ad esaltare le prestazioni dei nostri ragazzi fa proprio piacere mettere in evidenza il gesto del piccolo Spanu che, pur non avendo fatto niente di eroico, ha mostrato una generosità spesso latitante tra i surfisti, che pensano solo a prendere l’onda migliore. E se ci ricordiamo che gli spot oristanesi sono spesso teatro di episodi di localismo il gesto di Nicolò, giovane surfista alle prime armi, risulta ancora più nobile, gesto che meriterebbe più visibilità di qualsiasi risultato agonistico che i nostri ragazzi possano raggiungere. Purtroppo non esistono le coppe per queste vittorie ma, in mezzo a tanto egoismo, questa di Nicolò è una gran bella vittoria a cui tutti dovrebbero aspirare.
Antonello

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami