Olanda, Italia, non fa differenza. I nostri laseristi sono sempre super

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Olanda, Italia, non fa differenza. I nostri laseristi sono sempre super

By Sailingsardinia   /     giu 13, 2017  /     Varie  /  

18952978_1803913003255631_812622208719433492_nCesare Barabino ad Hoorn e Andrea Crisi e Marco Stangoni a Scarlino protagonisti della classe Laser 4.7

IMG-20160713-WA0029-1000x600Ad Hoorn, in Olanda, la serie negativa è iniziata con uno stupido BFD: Cesare Barabino stava provando la bolina senza accorgersi che le procedure di partenza erano iniziate e quando è stato dato l’ultimo minuto il velista gallurese stava ancora rientrando sotto la linea di partenza. Probabilmente questo stupido incidente ha scombussolato la sua concentrazione, tanto che sono arrivati un 17 ed un 11 che valgono poi un quinto posto in classifica finale. Di certo siamo viziati, perchè non vedere un quinto posto come un buon risultato è inconcepibile. Ma Cesare, a parte l’ultima giornata, ha dominato tutte le giornate delle regate e vederlo solo quinto per il fatto di non potersi scartare il 17 per colpa di quello stupido OCS. Archiviamo subito la “cattiva” prestazione e, scusate….che bello scrivere di cattiva prestazione quando si è fatto un quinto in una regata internazionale della cazzuttissima classe Laser!

CLASSIFICA

 

17629697_1465658326778318_7146014842088431764_nChi invece è lontanissimo da una cattiva prestazione  è Andrea Crisi che, dopo la “mediocre” prestazione (ormai se non vincono non siamo contenti) ottenuta qualche settimana fa a Campione del Garda, si presenta a  Scarlino bello carico con tanta voglia di riscatto. E arriva tanto carico,  da vincere la regata Italia Cup di Follonica con una prova d’anticipo “Ho trovato le mie condizioni di vento leggero e poi, le regate in mare sono la mia passione. Si, vero patisco le regate al lago, dove generalmente c’è il bordo obbligato. A me piace la variabilitá, l’imprevisto, le regate dove ritagliando nel bordeggio, riesci a venir fuori. A Follonica poi abbiamo fatto solo una regata in gold fleet che, novitá assoluta, non era scartabile” Quindi merito ancor maggiore per Andrea che ha saputo tenere psicologicamente in una regata in Gold, con tanto sapore di Medal Race. Siccome i laseristi di Cannigione non viaggiano in alta classifica da soli, questa volta, Andrea è stato accompagnato sul podio da Marco Stangoni, ottimo terzo in classifica, dopo una serie di regate caratterizzate da una incredibile regolarità.  Salta l’appuntamento, in alta classifica, Matteo Paulon che chiude trentacinquesimo.

000DSC08164Cesare Barabino, Andrea Crisi, Marco Stangoni e Matteo Paulon, fanno parte di una squadra (Cesare è YCOlbia, gli altri tre YCCannigione) nata è cresciuta nelle acque della Gallura, che rappresentano una realtà che nella storia della vela sarda non si era mai vista. Forse bisogna andare ai surfisti cagliaritani della prima generazione (Barrella, Maxia, Loi, Brianda), anni ottanta, o quelli dell’ultima (Maggetti, Cittadini, Onali, Ciabatti) per ritrovare un “Sardinia Power” così importante. Ma qui parliamo di classe Laser, classe i cui numeri fanno paura!

 

 

 

CONVERSATION

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>