Prima di tutto rispetto per il mare e…per i soccorritori!

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Prima di tutto rispetto per il mare e…per i soccorritori!

By Sailingsardinia   /     apr 23, 2019  /     Varie  /  

15724908_960605310738613_7032408980037149686_oPaolo Marchesi, pilota di elicottero della Polizia di Stato, ha scritto un post dopo aver passato una sera in volo a cercare un kiter disperso al largo di Oristano. Per una migliore chiave di lettura bisogna anche sapere che Paolo è un noto velista e istruttore presso l’associazione Veliamoci e quindi il suo post acquisisce ancora più valore

“Pasqua 2019, ore 17.30 circa, mentre stai cercando di vincere la battaglia con la digestione del pranzo organizzato al reparto con i colleghi dell’ equipaggio che è di allarme dalle 07.00, arriva una chiamata per la ricerca di un kitesurfer disperso fuori is Arutas.

Fuori lo scirocco soffia a più di 30kts facendo fischiare le porte dell’hangar. Bisogna muoversi…con questo vento ed il mare che ci sarà in zona rischia di essere portato sempre più lontano dalla costa.
57852604_10216679306328922_6259423631395258368_oDecollato ed in meno di 15 minuti iniziamo le ricerche. In mare i ragazzi della Capitaneria di Porto di Oristano a combattere le onde oltre al vento. Andiamo avanti per quasi due ore, spingendoci fino più di 10 miglia al largo, con un tuffo al cuore ad ogni bidone, boa, busta avvistata….la preoccupazione sale..se galleggiasse lo avremmo trovato. Arriviamo al limite autonomia e stà arrivando l’elicottero della Capitaneria decollato da Decimomannu a darci il cambio.

Si sta facendo buio e stare in mare in queste condizioni è dura, lo abbiamo sperimentato nei corsi di sopravvivenza. Non torni a terra sereno lasciando una ricerca senza esito. All’atterraggio la novità…..il kitesurfer era tranquillo in campeggio, dove è tornato dopo avere perso probabilmente la vela per l’imprudenza di cercare di uscire in un posto e con condimeteo non idonee.
57425258_10216679314689131_1361139796835041280_o (1)Pensiamo ai colleghi sulla motovedetta che devono rientrare controvento e con le onde in faccia, a quelli sull’altro elicottero che torna a Decimo, ai colpi che abbiamo preso quando il vento in quota ha superato i 40 kts.

Se andate per mare…ai comandi di una petroliera o con una tavola a vela, le norme si applicano a tutti, ed ogni leggerezza di comportamento porta a spese per lo stato, cioè soldi di tutti noi, e rischi per chi ha scelto di prenderseli in favore del prossimo.

10176049_10203593498061834_1559621416820816977_nSe andate per mare, fatelo con rispetto…rispetto del mare, delle leggi (da sapere), e degli operatori del soccorso che ci saranno sempre e comunque.”

Insomma, le poche righe scritte da Paolo dovrebbero far riflettere…

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami