RSR by Carpe Diem: Portorotondo-Alghero

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

RSR by Carpe Diem: Portorotondo-Alghero

By robertomarci   /     set 21, 2016  /     Varie  /  

ph©robertomarci.com

Ore 09:30 si mollano gli ormeggi da Porto Rotondo, pronti per la tappa più impegnativa della Round Sardinia Race! Da Porto Rotondo ad Alghero!

Alle 10 la partenza, le condizioni sono ottime, mare piatto e 15 nodi di ponente, rafficato.ph©robertomarci.com

Partiamo per primi ma da subito Andrea Mura prende passo e ci supera dopo poche miglia mentre il resto della flotta segue già a distanza.

Dopo il bordo al traverso inizia la bolina per affrontare il passo delle Bisce.

Andrea Mura rallenta e ci regala un bellissimo match race con incroci mozzafiato per la gioia dei fotografi a bordo delle due barche.

Andrea Mura, da testimonial della Round Sardinia Race aspetta il resto della flotta e ci lascia la testa della regata sino alle bocche di Bonifacio.ph©robertomarci.com

Dopo il suggestivo passaggio nell’arcipelago della Maddalena in mezzo a paesaggi unici e tanti incroci con altre imbarcazioni (compresi i traghetti).ph©robertomarci.com

FINE DEL DIVERTIMENTO!!!

Iniziano le Bocche di Bonifacio che si presentano con tutta la loro fama: onda formata fino a 4 metri e raffiche di ponente sino a 30 nodi!!!

Inizialmente la cavalcata è stata piacevole ma miglia dopo miglia ci ha portato allo stremo perché l’onda non ci ha abbandonato mai accompagnandoci sino ad Alghero.ph©robertomarci.com

Onde e secchiate d’acqua hanno messo a dura prova Carpe Diem (abbiamo subito due esplosioni di scotte fiocco) ma sopratutto il suo equipaggio per freddo e mal di mare!

Il punto più critico della regata è stato il doppiaggio dell’Asinara affrontato a notte inoltrata con il picco delle condizioni meteo.

Stremati decidiamo di arrivare al Alghero solo con la randa per evitare ulteriore stress alla barca. 

Arriviamo al traguardo alle 08:45 dopo meno di 6 ore da Andrea Mura concludendo una regata sulla carta di 110 miglia ma di almeno 150 effettive causa numerose virate che siamo stati costretti a fare per avvicinarci all’Asinara, viste le condizioni meteo/marine.

Oltre a noi registriamo solo un’altra barca che è riuscita a concludere la tappa, per questo i nostri complimenti all’imbarcazione Alioth con a bordo Luca Casu e Francesco Aliberti che tagliano il traguardo poco dopo le 17:00

Un’esperienza indimenticabile che ci farà crescere ulteriormente come dei veri lupi (occhialuti) di mare. ph©robertomarci.com

Ps: l’equipaggio ringrazia il suo comandante per le sue doti marinaresche e per aver preso le decisioni giuste e tempestive…o tempestose!!!

CarpeDiemSailingTIM 

 

ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com ph©robertomarci.com

 

 

 

 

 

CONVERSATION

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>