Se non è Vigne Surrau è Botta Dritta

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Se non è Vigne Surrau è Botta Dritta

By Sailingsardinia   /     nov 12, 2017  /     Varie  /  

000DSC04713Cagliari, con una prima giornata di maestralino leggero e una seconda giornata di vento serio, ha ospitato il Campionato Zonale J24, il Campionato sardo con la C Maiuscola per le imbarcazioni cabinate. “Regate vere, senza possibilità di errore, con un alto contenuto agonistico” Dice Mariolino Di Fraia, timoniere di Botta Dritta.

000DSC04727Nella prima giornata è Vigne Surrau che fa capire di voler vincere ma, nella seconda giornata tutto gli gira storto. In un incrocio troppo tirato l’albero del J24 del Club Nautico Arzachena si scontra con l’albero di Aria: strallo danneggiato ed Aurelio Bini e soci sono costretti a rientrare a terra senza partecipare alle ultime due prove. Quindi spazio libero per i nemici numero uno di Vigne: Botta Dritta. Sì, proprio il “vecchio Botta Dritta”, il cui equipaggio ha l’età media più alta di tutti. Eppure sono sempre fortissimi e lo hanno mostrato nell’ultima prova, vincendola di prepotenza dopo una partenza difficile e una prima bolina in cui hanno rosicchiato metro su metro, grado su grado, ad ogni scarso/buono. “Luca ha fatto delle scelte sempre eccellenti” Dice sempre Mariolino del suo tattico Luca Montella, che è riuscito a ritagliarsi un weekend tra i suoi vari impegni istituzionali “Scelte che ci hanno permesso di rimediare a partenze che non sono mai state brillantissime. Comunque anche la velocità della nostra barca ci ha dato un bell’aiuto. E’ stato un bel campionato caratterizzato dal ritiro di Vigne Surrau che ci ha facilitato il compito. Sabato Vigne è stata graziata dal tempo limite delle proteste (un’ora. E un’ora ci voleva tutta per rientrare in porto dal campo di regata!) perchè Sabato aveva toccato una boa e, con i tempi di rientro così lunghi, la protesta è stata presentata tardi. Poi Domenica la fortuna gli ha girato contro e…Fortunatamente nella seconda giornata il Comitato di Regata ha capito l’errore e ha corretto subito il tempo limite delle proteste.” Infine bisogna migliorare location per alaggio e varo delle barche: con il Mastrale si fanno danni.

Parla di alaggio difficoltoso Mariolino…In effetti le barche sono state tirate a terra nell’angolo più sottovento del porto di Cagliari, in un punto in cui si iniziava a formare una discreta onda che ha messo a dura prova gruista ed  equipaggi. In caso di Maestrale bisognerà trovare altra soluzione per prossima giornata di regate

000DSC04733Al secondo posto c’è “12.1 Acqua Santa Lucia” il team guidato da Gianluca Manca che, da ex laserista, ha sempre mantenuto il fiuto per la regata: “Bellissimo campionato !!! Abbiamo svolto 6 prove in condizione di vento da leggero a fortissimo. Il bordeggio non è mai stato scontato  la flotta dei j conferma un equilibrio che non permette di considerare nessuno nelle retrovie e il piacere di competere tra fortissimi avversari. Molto impegnato il comitato in mare e molto veloce la giuria. Noi di 12.1 Acqua Santa Lucia siamo soddisfattissimi perché il secondo posto al sardo conferma che il feeling con la nostra barca e tra di noi sta salendo costantemente e speriamo di consolidare i miglioramenti.

000DSC04716Al terzo posto Libarium su cui l’armatore Roberto Dessy ha imbarcato, come supporto tattico, Enrico Strazzera. Per loro un terzo posto, molto importante, visto l’alto livello dei competitors. Enrico Strazzera: “Belle regate in un campo sempre molto interessante e imprevedibile, che ci ha regalato prove in tutte le condizioni di vento. Flotta sempre molto agguerrita . Onore a Botta Dritta vincitore e tanti complimenti all’equipaggio di Gianluca Manca che ha fatto una regata spettacolare. Mi sono proprio divertito e spero di farne altre”

IMG-20171112-WA0012

000DSC04708Le regate, come da tradizione cagliaritana, si sono svolte ben lontano dalla costa (giusto per scoraggiare qualunque persona gli fosse venuta la malsana idea di seguire le regate da terra).  Un vero peccato perchè se fossero state più vicine alla costa, i cagliaritani che facevano passeggiata su Capo Sant’Elia (e non sono pochi) si sarebbero potuti accorgere che incredibilmente esiste anche lo sport della vela!

 

000DSC04709 000DSC04710 000DSC04711 000DSC04712 000DSC04713 000DSC04714 000DSC04715 000DSC04716 000DSC04717 000DSC04719 000DSC04720 000DSC04721 000DSC04722 000DSC04723 000DSC04724 000DSC04727 000DSC04731 000DSC04733 IMG-20171112-WA0033

 

CONVERSATION

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>