Spettacolare gran finale a Campione per gli IQ Foil

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Spettacolare gran finale a Campione per gli IQ Foil

By Sailingsardinia   /     ott 27, 2020  /     Varie  /  

7DE7C608-4DE8-4504-B2F2-23DEFE35E963L’entusiasmo è tanto, tantissimo, le regate sono appassionanti nonostante la classe sia ancora all’anno zero e tante cose sono ancora da rifinire. Parliamo del Mondiale IQ Foil appena concluso al Garda con il nome modificato, causa Covid, in IQ Foil International Games. Un Campionato caratterizzato dal duello al vertice tra Nicolas Goyard e Sebastian Koerdel, conclusosi a favore di quest’ultimo grazie alla vittoria nella finalissima delle final Series disputate tra i migliori dodici della classifica di flotta.
In questo evento sono stati utilizzati tre diversi percorsi: Race, Slalom e Long Distance.   Bellissimi e ognuno con un suo perché, ma forse creano un po’ di disorientamento in una classe che deve ancora trovare il giusto format per essere compatibile con le esigenze di status olimpico.
778CD0EF-F6B1-4AD1-93C8-1A23923186FEAncora una volta Matteo Iachino si dimostra uomo da altissima classifica anche se soffre un po’ le regate finali secche che rimettono in gioco tutto il punteggio acquisito nelle regate di flotta. Buoni spunti anche di Bruno Martini autore di diverse ottime prove ma scivolato giù dalle finali per un fine campionato con diverse sbavature.

Tra le donne vince l’israeliana Noy Drihan grazie alla vittoria nella gran finale. Nelle regate di flotta il miglior punteggio lo aveva ottenuto HÉLÈNE NOESMOEN che ha concluso la finale al secondo posto. Assenti le nostre due regine della tavola, Marta Maggetti e Giorgia Speciale che preferiscono concentrarsi ancora sull’RSX.

Il comunicato IQ Foil

È stato risveglio piovigginoso e lento quello delll’ultima mattina dei Giochi Internazionali IQFOiL di Campione, Lago di Garda, organizzati da Univela Sailing, Società Canottieri Garda Salò e iQ FOiL Class; ma il sole, proprio come l’eccitazione, era appena dietro un sottile strato di nuvole, mentre cresceva l’attesa per l’assegnazione delle medaglie.
Un format nuovo con tre gare per i primi 12: i quarti di finale tra i riders dal 12 ° al 5 °, di cui i primi quattro conquistano l’accesso alla semifinale Assieme  al 4 ° e 3 ° della classifica di flotta, e i primi due a tagliare il traguardo si sfidano in una gara del Gran Finale “the winner take it all” con il 2 ° e il 1 ° delle regate di flotta.

Dopo un rapido controllo dell’attrezzatura in pit lane e una brevissima attesa a terra, è arrivato il momento di iniziare la Medal Series. Il formato del percorso in stile Coppa America con circa 15 nodi si è rivelato veloce, emozionante e con molta azione: un inizio veloce e poi un breve e pompante downwind, per poi fare un’altra bolina  che porta ad un traguardo mozzafiato. Uomini e donne si sono rapidamente alternati sul campo di regata.D4C55FF2-5760-4650-A4C1-73B6891E3252

Nei quarti di finale maschile Huig-Jan Tak (NED), seguito da Alexandre Cousin (FRA), Samuel Sills (GBR) e Matthew Barton (GBR) sono arrivati ​​alla semifinale insieme a Matteo Iachino (ITA) e Kiran Badloe (NED). Huig-Jan Tak ha continuato a vincere anche la seconda gara della giornata e con Alexandre Cousin è entrato alla Grand Final dove Sebastian Koerdel (GER) e Nicolas Goyard (FRA) li stavano aspettando. Un buon inizio del boarder tedesco che è riuscito a doppiare per primo ogni boa allungando il suo vantaggio fino al traguardo vincendo l’evento sui migliori surfisti del mondo della classe foiling di Parigi 2024. La medaglia d’argento è andata a Nicolas Goyard e il bronzo a Huig-Jan Tak, che più di chiunque altro ha approfittato del sistema ad eliminazione diretta ed è riuscito a salire sul podio partendo da un 10 ° conquistato nelle regate di flotta.

“E ‘stato molto emozionante, ho tenuto i nervi saldi, ho fatto una buona partenza ma avevo una velocità superiore  e cosi ho potuto tenere il mio vantaggio fino al traguardo: sono felice! – dice un appassionato Sebastian Koerdel -00384C84-35F3-47DD-A2AE-3AE2D65738EA Adesso passiamo un po ‘di tempo libero, perché da Silvaplana ad oggi non mi sono riposato, sarò a casa per monitorare la situazione globale, prepararmi per il prossimo anno e possibilmente vincere un titolo mondiale ufficiale la prossima volta ..
“Ho terminato le regate di flotta in seconda posizione, lottando sempre con Nico (Goyard): aveva un po ‘di vantaggio nelle prove di course (quindi so dove devo lavorare), e io sono stato un po ‘meglio nello slalom: li ho vinti tutti. La serie finale è un formato veramente appassionante: mi piace il sistema ad eliminazione diretta grazie al quale puoi migliorare molto la tua posizione, ma che tutela i primi quattro ragazzi che non possono scendere sotto il quarto “.C761F7E3-4C69-4154-9B05-02EA196C01F1
Nei quarti di finale femminile Lilian de Geus (NED) è andata a fuoco, vincendo con un solido margine su Islay Watson (GBR), Lucie Belbeoch (FRA) e Pilar Lamadrid Trueba (ESP), avanzando tutte alla semifinale con Noy Drihan ( ISR) e Dephine Cousin (FRA). Il vento era un po ‘meno intenso, ma comunque ben oltre i 10 nodi, ed è stata un’altra magnifica regata di Lilian de Geus che ha tagliato dolcemente il traguardo dirigendosi verso il Gran Finale insieme a Noy Drihan. Lì si sono uniti a Maja Dziarnowska (POL) e Helen Noesmoen (FRA) che erano stati in testa per tutta la settimana. Partenza  a razzo di Lilian, che però è poi caduta, lasciando quindi il podio alle altre tre. Noy Drihan ha doppiato per prima la prima boa e ha esteso il suo vantaggio fino al traguardo, seguita da Helen Noesmoen e Maja Dziarnowska.4A214E0F-A4B0-4501-9B24-3E909A6F8966

“Sono molto felice, è stato stressante – dice Noy Drihan – Sono partita dalla seconda gara e sono riuscito ad andare alla Grand Final dove ho vinto la competizione e questo mi rende così felice e orgogliosa! Mi è piaciuto il formato knock-out, è super stressante ma mi è piaciuto moltissimo!
“Sono una regatante di RSX e sto ancora gareggiando per un posto alle Olimpiadi di Tokyo, ma amo molto il foiling board, è così divertente !! Qui potremmo avere un leggero vantaggio nel Course grazie alla tattica, ma le ragazze provenienti dal PWA sono migliori nello Slalom, è un bene che questi due mondi si uniscano e stiamo migliorando di giorno in giorno.

“Da domani tornerò al mio allenamento nella RS: X, lasciando riposare l’iQFoil per un po ‘.”

Mentre i vincitori festeggiavano, il resto degli atleti è tornato in acqua per qualche altra gara, registrando alcuni cambiamenti nella classifica giovanile, con una bella brezza da sud, l ‘”Ora”. Gli iQFOiL International Games si concludono con una serie impressionante di gare completate in ogni formato da tutti, e con grande entusiasmo e aspettative per la nuova tavola da vela olimpica foiling, che questa settimana ha trovato una location perfetta a Univela Sailing e al Lago di Garda.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami