Tante le novità ma ancora qualche incertezza

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Tante le novità ma ancora qualche incertezza

By Sailingsardinia   /     nov 08, 2018  /     Varie  /  

20161107_WSAC_press_109_rdax_1200x732_90Dopo l’Annual General Meeting di World Sailing che si è appena concluso in Florida a Sarasota, sembra che sia venuta fuori una vela olimpica con le ossa rotte. Tanto clamore per l’eliminazione del Finn e ancora più clamore per l’introduzione della barca a chiglia. Chi meglio di Mirco Babini, Presidente dell’International Kiteboarding Association, potrebbe farci un quadretto preciso della situazione?

IMGP9337“Di certo c’è che è stato scelto un gruppo di nuovi eventi per Parigi 2024 all’interno dei quali ci sono delle novità

36783653_247609009161405_6946121879061004288_nIl windsurf che rimane dentro con la possibilità di inserimento di una nuova attrezzatura. In pratica è stato confermato RSX con degli asterischi legati alla questione monopolio ed eventuali cambi di attrezzatura. Importante che ci siano i due eventi windsurf (uomini e donne).

ph©robertomarci.comCi sarà il kite misto in cui correranno uomini e donne in una sorta di staffetta oppure una gara a team i cui rispettivi punteggi di uomini e donne si sommeranno. I Format li proporremo tra sei mesi. Si tratterà di kite foil con vela cassonata. Sarà sicuramente la “barca”  a vela più veloce alle Olimpiadi e ha come base due milioni di praticanti in tutto il mondo

hqdefault_6Poi c’è la Keelboat il cui format è ancora tutto da scoprire: si parla di una regata da 24 ore e un’altra da 48. E’ comunque una novità tutta da scoprire e ancora non sappiamo se sarà una cosa positiva o negativa, anche se con i cambiamenti è facile vedere subito le cose negative. Aspettiamo di vedere come sarà.

 

45301743_10156001512572634_9087333990045581312_nIl Finn esce perchè è stato eliminato l’evento Singolo maschile. Paradossalmente, se il Laser dovesse avere problemi con l’antitrust e viene scelto un altro singolo femminile, il Finn  potrebbe rientrare come singolo maschile…potrebbe anche succedere. Ci sono ancora delle strade incasinate…non è che è tutto scritto lì! Purtroppo siamo abituati a citare le classi olimpiche con i nomi delle attrezzature e non è proprio così. Di certo ci sono gli eventi”

Men’s Windsurfer – RS:X
Women’s WindsurferRS:X
Mixed Kite – equipment evaluation (new event)
Men’s One Person Dinghy – Laser
Women’s One Person Dinghy – Laser Radial
Mixed Two Person Keelboat Offshoreequipment evaluation (new event)
Mixed Two Person Dinghy – equipment evaluation (new event – 470)
Men’s Skiff – 49er
Women’s Skiff – 49erFX
Mixed Multihull – Nacra 17
*RS:X and Laser/Radial are subject to anti-monopoly review

“Le tensioni all’Annual General Meeting ci sono sempre state. Anzi, nel 2012 quando c’era stato l’introduzione del kite a discapito del windsurf, le tensioni erano state molto superiori. Certo mi dispiace per le tensioni attuali ma sono normali dopo ogni AGM. Le decisioni finali per l’equipment le avremo al prossimo meeting, quello di Maggio

In World Sailing abbiamo poca rappresentanza italiana, meno di uno in ogni comitato: Plazzi, Bianchi, Marchesini, Simoneschi…insomma sono pochini.”

E’ stata una lunga chiacchierata (estremamente sintetizzata nelle poche righe qui sopra) quella fatta con Mirco Babini, lunga ma interessante…

 Immagine anteprima YouTube

Comunicato IKA

Il Kiteboarding alle Olimpiadi di Parigi 2024
Coronamento di un lungo lavoro internazionale dove l’Italia ha giocato un ruolo fondamentale

 

Babini (IKA): “Si è messo in moto qualcosa di veramente grande. Il Kiteboarding è nel programma Olimpico. Che impresa. Che soddisfazione. Un sogno avverato”

 

Domenica 4 novembre 2018 l’Annual General Meeting di World Sailing ha confermato l’inserimento del Kiteboard nella line-up ufficiale degli eventi e delle classi veliche che prenderanno parte ai Giochi della XXXIII Olimpiade in programma a Parigi nel 2024.

L’AGM ha confermato la formazione definitiva degli eventi velici che parteciperanno ai giochi di Parigi, inserendo all’interno due nuovi eventi tra i quali appunto il Kiteboard racing.

Il movimento arriva a questo importantissimo traguardo dopo aver preso parte per la prima volta nella sua storia, con la disciplina del TT:R (Twind Tip Racing – www.twintipracing.com) alle recenti Olimpiadi Giovanili svolte a Buenos Aires.

Questo risultato è frutto di un lungo lavoro all’interno del quale l’Italia ha giocato un ruolo determinante.

Da sei anni a questa parte infatti presidente dell’International Kiteboarding Association (internationalkiteboarding.org), la classe internazionale del Kiteboarding riconosciuta da World Sailing, è Mirco Babini.

Nato in Romagna ma sardo di adozione, vive a Chia nel sud dell’Isola da due decenni. Vanta una carriera agonistica nel windsurf lunga più di 35 anni, con titoli e risultati importanti a livello internazionale. Dopo aver acquisito un’importante esperienza nell’organizzazione di eventi sportivi e management sportivo oltre a curare la formazione ed il coach training, approda nel team di Luna Rossa in vista della 35^ America’s Cup, dove rimarrà fino al suo ritiro. E’ stato uno dei precursori del Kiteboard in Italia ed uno dei fondatori della CKI la classe Kiteboarding nazionale. Un vero trascinatore e visionario dello sport, a lui si deve l’organizzazione del kiteboarding nazionale ed il suo inserimento nella Federazione Italiana Vela quando venne riconosciuto in seno al Coni.

LE DICHIARAZIONI

L’International Kiteboarding Association è entusiasta di vedere finalmente il kiteboarding incluso nei Giochi Olimpici, dopo lo straordinario debutto in occasione di quelli giovanili – ha dichiarato proprio Mirco Babini subito dopo la notizia della decisione dell’Annual General Meeting di World Sailing da Sarasota negli Stati Uniti – E’ stato un percorso lungo, strategico ed emozionante allo stesso tempo, partimmo da quel ormai lontano 2012 quando a Dublino venne ricambiato lo status e da quel giorno un duro lavoro di squadra che non si è mai fermato”.

“Bisogna davvero avere tanta passione ed una visione smodata del futuro per andare avanti contro tutte le difficoltà, le lobby e le persone che minano il tuo percorso – continua Babini – d’altro canto il Kiteboard è uno sport relativamente nuovo, che si è però sviluppato in maniera esponenziale. Basti pensare che oggi conta in tutto il Mondo oltre 2 milioni di praticanti. Ci vorrà poco tempo invece per incrementare il numero degli atleti. Il costo relativamente basso, il mezzo a vela con le più alte prestazioni in acqua, la semplicità di trasporto saranno solo alcuni dei lati positivi che porteranno il Kiteboard ad essere una delle discipline olimpiche più numerose, apprezzate e praticate”.

Babini continua: “Essere alla guida della IKA ha giocato un ruolo fondamentale ma difficile al tempo stesso. Ti trovi a dover affrontare decisioni molto spesso non comprese ed essendo ovviamente in prima linea sei esposto ad attacchi poco “digeribili” ma devi portare pazienza ed imparare a gestirli. Sono convinto di quello abbiamo fatto e continueremo a fare. Lo abbiamo sempre fatto in maniera professionale e funzionale rispetto all’alta prestazione che la disciplina del kiteboard con Hydrofoil necessita. Sono certo che entro un paio di anni ne vedremo davvero delle belle e l’Italia ci regalerà tantissime soddisfazioni con atleti in grado di calcare i palcoscenici internazionali”.

“Concludo rivolgendo un appello ai giovanissimi, anche appartenenti ad altri sport o altre classi veliche. Se nel cassetto hai anche tu il ‘Sogno Olimpico’ è giunto il tuo momento. La sfida è ufficialmente partita”.

IL PERCORSO

Il lavoro svolto in questi 6 anni da Mirco Babini e da tutto l’entourage dell’International Kiteboarding Association è stato davvero notevole, in virtù soprattutto del sistema “old style” di World Sailing. Parliamo di un sistema intricato di comitati e commissioni all’interno delle quali vanno fatte passare tutte le submission relative alla disciplina, alle regole e alle attrezzature fino ad arrivare ai format di gara e ai regolamenti. In questo la sua esperienza decennale in World Sailing si è rivelata strategica, grazie anche alla profonda conoscenza del settore e al lavoro svolto dal CEO di IKA Markus Schwendtner.

Un lavoro immenso quello dietro le quinte, fatto di viaggi, meeting, organizzazione di eventi internazionali gestiti e coordinati da un team altamente professionale. Una boccata di aria fresca in un mondo, quello di World Sailing e di tante realtà nazionali, dove inizialmente troppo spesso sono stati proposti ed imposti giudici non propriamente competenti sulla disciplina, rei di aver creato imbarazzo tra i partecipanti e il pubblico e di aver fatto pagare ovviamente il dazio più caro ai kiters in gara.

Con tanta pazienza ed un lungo lavoro è nata una squadra di professionisti in grado di sopperire a queste mancanze. Stesso discorso qui in Italia dove, grazie al lavoro congiunto con la FIV si è allargata la rosa dei “credenti” nel kiteboard, dei giudici e dei circoli affiliati che organizzano gare e sostengono le attività formative.

Adesso ci sono poco meno di sei anni prima del debutto Olimpico di Parigi e, in occasione dei Giochi di Tokyo, il Kiteboarding con tutta probabilità si presenterà al Mondo dello Sport, pur senza assegnare medaglie.

Le proposte del formato di gara più adatto ad un’Olimpiade sono diverse e solo più avanti si stabilirà quello definitivo. Tra i format ipotizzati ad oggi c’è la Short Track Relay su un breve corso di bolina /poppa con partenza al traverso dove la squadra composta dall’atleta maschile e femminile coprirà i giri del percorso alternandosi come in una vera staffetta, con una zona di cambio. La competizione potrà svolgersi in batterie con una fase ad eliminazione diretta o sfruttando altre tipologie di finale in corso di valutazione.

Per quanto riguarda invece le attrezzature verrà seguita l’attuale visione adottata dal CIO nei confronti di discipline con attrezzature similari come lo snowboard, lo skateboard e il surf. World Sailing, in collaborazione con la classe IKA, concederà licenze a più builder per la costruzione di attrezzature omologate per lo svolgimento delle regate. Nei prossimi mesi sarà reso pubblico il sistema di registrazione delle attrezzature che potranno concorrere per essere nella lista Olimpica. Una cosa è certa, si correrà con un Kiteboard Hydrofoil e kite foil ad altissime prestazioni in grado di volare sull’acqua sul filo dei 40 nodi.

Immagine anteprima YouTube

test kiteboarding relay event

CONVERSATION

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>