Tavola olimpica: quale sarà?

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Tavola olimpica: quale sarà?

By Sailingsardinia   /     lug 18, 2019  /     Varie  /  

ImmagineIl mondo del windsurf olimpico sta passando un momento di grandi incertezze in vista della scelta per la classe olimpica per Parigi 2024

42386839_1874291189319725_1281331762512789504_nSino a poco tempo fa sembrava che l’RSX dovesse continuare a mantenere la sua posizione olimpica ma una cordata, guidata dal campionissimo olandese Dorian Van Rijsselberghe, sta facendo grosse pressioni per fare del windfoil la nuova classe olimpica.

La decisione finale verrà presa dopo i test sulle attrezzature candidate che si terranno probabilmente a Marsiglia ( o forse al Garda che sarà sede del Mondiale RSX) nella seconda settimana di Settembre.

In questi giorni ci sarà una riunione tra World Sailing e la Neil Pryde (produttore RSX) perché il costruttore sembra che, non avendo garanzie per il futuro, abbia ridotto la produzione e non voglia fornire neanche il materiale per Tokyo 2020 perché, se la classe non venisse riconfermata, sarebbe tutto materiale invendibile (vedi passaggio da Nacra 17 a Nacra 17 foil dopo Rio 2016) L’idea è che si voglia raggiungere accordo per far sì che a Tokyo ogni atleta si porti la propria tavola, mentre la vela verrà fornita da Neil Pryde.

Abbiamo sentito due autorevoli opinioni

Carlo Dalla Vedova, Presidente della classe Internazionale RSX

Avv-Carlo-Dalla-Vedova“Ci stiamo battendo per la disciplina olimpica Windsurf e vogliamo difendere gli interessi di una disciplina che coinvolge tanti appassionati e praticanti. Non vogliamo sostenere gli interessi dell’elite ma preferiamo spingere per gli interessi di tutti, cosa che riteniamo importante per una classe olimpica. Vogliamo un vero monotipo, economico, con una sola tavola ed un solo rigg, per ridurre i costi e semplificare il trasporto agli atleti.

Attualmente non vedo valide alternative all’RSX. Il foil, per il momento, riguarda una ristretta cerchia di atleti e, quando a Palma (la regata con il più alto numero di partecipanti), abbiamo fatto un sondaggio su attrezzatura per Parigi, il 70% ha scelto RSX. Abbiamo nazioni importanti come Israele e tutte le nazioni orientali che assolutamente  vogliono l’RSX. Mi lascia sconcertato il fatto che World Sailing stia facendo un “review for NEW equipment” in cui anche noi siamo tirati in ballo. Comunque noi ci batteremo affinché si faccia una scelta democratica e rispetteremo la scelta di World Sailing.”

Matteo Iachino, Vice Campione del Mondo PWA (Professional Windsurf Association)

61587059_2155375694584092_889788413367025664_nHo fatto personalmente i tests per l’Olimpic Concept, la tavola Starboard per il 2024 e il passaggio al foil credo che sia un’evoluzione dovuta per il nostro sport. L’RSX ha fatto il suo tempo, che piacesse o meno, e con il Giappone di Olimpiadi ne avrà fatto quattro.

E’ ora di cambiare, di evolvere. Il foil è il futuro con il vento leggero,è tecnico, più spettacolare, sicuramente più performante, quindi credo che la naturale evoluzione dello sport ci porti ad avere la tavola foil per Parigi 2024. La performance è ottima con sei nodi di vento quindi basta veramente poco per riuscire a gareggiare. Io la penso così

BDAC92B8-AA9A-4535-88A5-1083EE59D580

Windsurfing Equipment Selection – Invitation to Tender (1)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami