Un Mondiale da ricordare negli anni

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Un Mondiale da ricordare negli anni

By Sailingsardinia   /     ago 26, 2018  /     Varie  /  

IMG_9111In Sardegna (ma non solo) il Mondiale Laser Radial di Kiel rimarrà ricordato per lungo tempo. La vittoria di Guido Gallinaro, la vittoria di Matilda Talluri e Cesare Barabino…

Il laserista dello Yacht Club Olbia ha deciso di esordire nella categoria superiore, quella Radial  (finora ha regatato in 4.7), con la regata più difficile, la più importante: il Mondiale.  “Ora sono pronto per farmi le ossa sul Radial e inizio subito dall’appuntamento più importante: il Mondiale!” Aveva detto qualche settimana fa dopo il Mondiale 4.7 di Gdnya. Tutto bene, però il risultato non è stato da chi era lì per farsi le ossa…Sesto assoluto e primo Under 17 è un risultato da chi ha tutte le carte in regola per insediarsi nel gruppo dei migliori al mondo della categoria.

Un inizio subito tra i protagonisti, un quarto nella prima prova: si, quarto nella prova d’esordio nella categoria Radial, su 269 partenti! Poi una serie di piazzamenti molto regolari che lo mantengono tra i primi 15/20 che lo fanno entrare in Gold Fleet da diciannovesimo. Poi arriva il capolavoro…

2018.08.25_87320_www.segel-bilder.de_-683x1024Dal diciannovesimo posto al terzo della classifica generale in una giornata, grazie ad un primo ed un sesto fatti nella Gold Fleet, la flotta dei migliori 68 sui 269 iscritti: una giornata memorabile per l’esordiente Barabino, il fenomeno della 4.7 (vincitore di due Europei ed un Mondiale) appena arrivato tra i Radial. Cesare è ancora piccolo per i Radial e l’indomani della sua mitica prestazione, soffre tanto il vento bello fresco, nonostante la sera prima avesse detto  “Domani vento forte…ci sarà da divertirsi”. Un brutto 53esimo e un 35esimo sono il pegno da pagare per chi, con peso leggero esordisce tra i Radial.

Poi l’ultima giornata, con il vento più leggero, arriva un’altra incredibile vittoria che assegna a Cesare la sesta posizione assoluta! “Mi sono trovato a mio agio con la flotta e le condizioni meteo, essendo stato a Kiel già due volte in passato; grazie alla condizione, sia tecnica che fisica ottimale, ho raggiunto un risultato più che soddisfacente, vincendo il mio secondo titolo mondiale. Comunque come prima regata in Radial è un’ottima prestazione soprattutto per le due prove vinte in gold, flotta nella quale ho sempre avuto qualche difficoltà”

39986148_1864128523654522_196885948003254272_nAnche Matteo Paulon ha condotto un Campionato da grandissimo: chiude decimo dopo essere stato stabilmente sempre entro i primi venti. “E’ stato un campionato molto difficile dal punto di vista tattico ma è stato veramente divertente.”   Un decimo posto che premia l’alto livello di preparazione raggiunto dallo squadrone della Gallura che sta ottenendo tanti bei risultati in tutti i campi di regata europei.00000185_10208990613224030_1255227080_nAnche Andrea Crisi è un valido rappresentante del movimento gallurese ma, questa volta non è riuscito ad entrare in regata: “Le condizioni erano sempre vento da terra instabile e rafficato con buchi di vento. Condizioni molto difficili. Già dal primo giorno ho sbagliato l’interpretazione del campo perché, nonostante un passo abbastanza buono, ho girato sempre dietro. Sicuramente dopo le prime prove andate male, mi è mancata lucidità perchè stavo rischiando di non entrare in gold.”

CLASSIFICA

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami