Un Sabato di grande vela oceanica

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Un Sabato di grande vela oceanica

By Sailingsardinia   /     gen 26, 2017  /     Varie  /  

ImmagineSabato pomeriggio alle 18.00, presso la sede dei Canottieri Ichnusa, grande appuntamento per gli appassionati di vela oceanica con Andrea Mura, Gaetano Mura, Michele Zambelli e Pasquale De Gregorio. Una serata in cui si parlerà di grande vela, la vela senza confini, la vela oceanica. Sailing Sardinia sarà presente e seguirà in diretta sulla sua pagina Facebook tutto l’evento

16114212_10210330555933061_5097042415651672370_n

Comunicato stampa Gaetano Mura

Sardegna rampa di lancio per l’Oceano. Il Circolo Canottieri Ichnusa di Cagliari mette a confronto i navigatori oceanici: Andrea e Gaetano Mura, Michele Zambelli e Pasquale De Gregorio

La Sardegna è sempre più palestra e trampolino di lancio per i velisti oceanici. Ci sono i navigatori sardi che partono dall’isola e i navigatori adottivi che scelgono di allenarsi nella costa sarda. Senza dimenticare che il territorio di Cagliari è stato scelto, al di là dell’esito finale, come sede delle regate olimpioniche di Roma 2024, Luna Rossa ha costruito qui la sua base e numerose nazionali di vela si allenano tra terra e mare sardo. Uno dei protagonisti di questo interessante movimento velico è il Circolo Canottieri Ichnusa di Cagliari, più di un secolo di storia alle spalle, che ha organizzato per sabato 28 gennaio, alle 18 presso la sede di via Calata dei Trinatari 14, l’appuntamento: Regate Oceaniche. Nell’incontro, moderato dal blogger/velista Antonello Ciabatti, si confronteranno i navigatori Andrea e Gaetano Mura, Michele Zambelli e Pasquale De Gregorio. Tutti a raccontare le loro esperienze ed imprese in Oceano.

Gaetano Mura è alla sua prima uscita pubblica dopo il tentativo di Giro del Mondo in Class 40 a bordo di Italia e darà il suo contributo alla discussione sulla navigazionen in condizioni estreme. In questi giorni sta preparando le serate, arricchite dai video e dalla lettura dei diari di bordo, dedicate al progetto che lo ha visto impegnato da ottobre a fine dicembre.

Andrea Mura parlerà della complessa preparazione della sua prossima impresa: la difesa dell’ impegnativa Ostar 2017 – si svolge ogni 4 anni sul percorso Plymouth (UK) – Newport R.I. (USA) per 2.850 miglia totali – che ha vinto nel 2013. Una regata in solitario difficile perché contro vento, contro corrente, contro mare e a temperature polari.

Michele Zambelli è romagnolo, ma ormai sardo d’adozione. Ha ormeggiato il suo Illumia a Cagliari e parlerà, anche lui, della sua preparazione alla Ostar. Zambelli nel 2015 ha affrontato con ottimi risultati la Mini Transat dove si è piazzato al sesto posto assoluto.
Pasquale De Gregorio è altro figlio adottivo dell’isola e soprattutto un mito della vela oceanica nazionale. Uno dei pochissimi navigatori italiani ad aver completato la Vendée Globe – gli altri due sono Alessandro Di Benedetto e l’indimenticabile Simone Bianchetti – la regata delle regate in solitario. Nell’edizione 2000-2001 ha tagliato il traguardo quindicesimo.

 

Comunicato stampa Vento di Sardegna

Sabato 28 gennaio alle ore 18:00, presso la sede del Circolo Canottieri Ichnusa di Cagliari, Antonello Ciabatti coordinerà l’incontro con Andrea Mura (socio onorario del club), Gaetano Mura, Michele Zambelli e Pasquale de Gregorio.

Quattro grandi velisti, che non hanno bisogno di presentazioni, in una serata da tutto esaurito dedicata alle imprese che li hanno visti e li vedranno impegnati nei mari di tutto il mondo.

In particolare Andrea Mura parlerà della complessa preparazione della sua prossima impresa, la difesa della difficilissima OSTAR 2017.

La Ostar è la regata più antica e leggendaria per navigatori solitari che si svolge ogni 4 anni sul percorso da Plymouth (UK) sino a Newport R.I. (USA), 2.850 miglia. E’ considerata la più dura delle regate oceaniche in solitario perché contro vento, contro corrente, contro mare e a temperature polari intorno ai 5° sia dell’aria che dell’acqua per le alte latitudini (sino al 52° parallelo nord).

L’ultima edizione si è svolta nel 2013 e ha visto Andrea Mura vincitore assoluto tagliando per primo il traguardo negli USA dopo circa 20 giorni di navigazione. Aveva giurato di non farla mai più per le infernali condizioni meteo marine avendo riportato la “pelle” a casa e la barca integra dopo aver subito cinque terribili e gelide burrasche, ma caso vuole che Andrea si debba rimangiare il giuramento.

Gaetano Mura racconterà la recente esperienza in giro per il mondo in solitario con il suo Class 40 “Italia”, interrotta in Australia dopo 65 giorni di navigazione.

Anche Michele Zambelli si prepara alla OSTAR, che affronterà con l’Open 9.50.

Ultimo ma non ultimo, Pasquale De Gregorio (ex proprietario dell’Open 50 ribattezzato “Ubiquity – Vento di Sardegna”) un precedente al Vendée Globe 2000-2001 con un quindicesimo posto assoluto.

Andrea Mura dichiara: “Mi complimento con il mio circolo per questa iniziativa rara nel mondo velico internazionale.

E’ sempre bello il confronto tra velisti oceanici provenienti da scuole molto diverse tra loro ma con in comune la forte passione per il mare e la vela.

È anche un modo per stuzzicare l’interesse di tutti gli appassionati di sport avvicinandoli alla vela e per trasmettere ai più piccoli passione e valori.”

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami