Veleggiando per l’inclusione sociale

La vela della Sardegna sul web
Sailingsardinia
Follow Me

Veleggiando per l’inclusione sociale

By Sailingsardinia   /     mag 28, 2018  /     Varie  /  

veleggiata_2605Cagliari, 28 maggio 2018 – Tanti visitatori e attività, anche nell’ultima giornata di Marelibera, che ieri al porto di Cagliari ha chiuso la prima edizione sarda, organizzata dall’associazione New Sardinia Sail, impegnata nella promozionedi progetti d’inclusione sociale attraverso lo sport della vela per i giovani residenti nell’Isola assieme a Sea world Cagliari ASD per la formazione subacquea ricreativa e alla Lega Navale Italiana sezione di Cagliari.

Il fine settimana si è aperto con la veleggiata libera nel golfo, che ha coinvolto trenta equipaggi, composti anche da persone con disagio fisico, psichico e sociale. Dopo il saluto alla Madonna di Bonaria, gli equipaggi hanno veleggiato lungo la spiaggia del Poetto, ripresi dalla troupe della Scuola del Cinema Rossellini di Roma, formata da un gruppo di studenti che realizzerà un docufilm sull’evento e la città di Cagliari.

Al rientro in porto, è scattata l’attività al villaggio, animato dalle associazioni di Unione Vela Solidale di tutta Italia che hanno accolto il pubblico anche ieri mattina. Tra le iniziative che hanno incontrato la maggior curiosità del pubblico, l’allestimento di una scena del crimine a bordo di una barca, da parte della Polizia Scientifica, e il concerto serale dei Ladri di Carrozzelle.

“Cagliari, la città del vento non ha deluso le aspettative”, il commento di Simone Camba, dell’associazione New Sardinia Sail, “sabato mattina abbiamo regalato agli amici dell’Unione Vela Solidale la migliore veleggiata che abbiano mai fatto durante le precedenti manifestazioni, come confermato dal presidente nazionale Enzo Pastore, inoltre  gli stand della Polizia di Stato e della Guardia Costiera e il concerto dei Ladri di Carrozzelle nella splendida cornice del porto di Cagliari,  lasceranno sicuramente un segno indelebile nel cuore dei partecipanti”.

La due giorni è stata occasione, per i vertici di Unione Vela Solidale, di verificare l’accessibilità del fronte mare cittadino, nell’ottica di un miglioramento nell’accoglienza delle persone con disabilità.

 

 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami